Lombardi 1892. La storia della ristorazione napoletana passa da Via Foria

1-08-2023 | Mangiamoci su, Pizzerie

Cambiare forno, in una pizzeria, può sembrare attività di poco conto, una routine necessaria per garantire un rendimento migliore all’attività.

Quando però questa pizzeria si chiama “Lombardi 1892” costruire un nuovo forno acquista in significato particolare, che sa di novità ma con un forte richiamo al passato.
Siamo infatti a Via Foria, in una delle “Pizzerie Centenarie” di Napoli, gestita dalla quinta generazione della famiglia Lombardi.

In sala e al banco oggi Enrico Maria e Carlo Alberto Lombardi, cugini, discendenti di una delle famiglie che ha fatto la storia della ristorazione napoletana.

La stagione estiva 2023 dei Lombardi inizia proprio con l’inaugurazione del nuovo forno a legna. Il forno, si sa, è il fulcro di ogni pizzeria e in questo caso, la decisione di decorarlo con un mosaico, una sorta di patchwork di mattonelle vietresi, ne sottolinea la centralità.

E poiché nel locale di Via Foria si respira la storia di una famiglia che non si è mai sottratta al lavoro e che ha rappresentato un rifermento importante per la crescita delle pizzerie napoletane, i Lombardi hanno voluto suggellare il legame con il loro passato, aggiungendo nella coloratissima decorazione pezzi di mattonelle degli anni 50, quando a lavorare in quegli spazi era la nonna degli attuali protagonisti di questo racconto, la signora Silvia.

Il gesto simbolico dei cugini Enrico e Carlo Alberto è un chiaro riferimento alla tradizione e alla storia della famiglia, importante per Napoli e non solo.

La narrazione della famiglia Lombardi, infatti, inizia alla fine dell’800, quando Errico Lombardi, proprio nel 1892, come testimoniano i documenti ancora presenti negli archivi della questura di Napoli, apre un esercizio commerciale.

Qualche anno dopo, insieme al fratello Antonio e al cugino Gennaro, porta la pizza napoletana a New York, aprendo lì, prima di tutti gli altri, una pizzeria.

Durante la prima guerra mondiale, tornato in Italia, insieme al figlio Luigi, anch’esso pizzaiolo, apre una pizzeria a Via Tribunali. La pizzeria di Via Foria nasce nel 1929, mentre qualche decennio dopo vede la luce, forse con l’appoggio di Benedetto Croce, l’attività in Via Santa Chiara, poi gestita da un altro ramo della famiglia.

La sede di Via Foria, dalla fine degli anni ’40, viene guidata da Enrico, figlio di Luigi, e da sua moglie Silvia. Sono loro che hanno l’idea, visionaria per quei tempi, di investire per portare avanti un progetto “nuovo” di pizzeria e ristorazione.
Quasi pionieri di un genere, che all’epoca ancora non era diffuso, uniscono in un solo locale l’attività di pizzeria e di ristorante, con la signora Silvia pronta a creare sempre qualche novità per l’affezionata clientela, con grande dedizione al lavoro e ai congiunti.

foto-storica-lombardi-1892

Una figura importante quindi, non solo per la famiglia Lombardi, ma per tutto il comparto, che nella Napoli del dopoguerra cominciava a svilupparsi con passo diverso rispetto al passato.

Da qui alla gestione attuale il cammino è breve, in quanto i figli della signora Silvia, Luigi e Nando, sono i “creatori” della pizzeria che noi oggi conosciamo, con le sale su due piani e con una gestione più imprenditoriale, che li porta, già a fine anni 70, a cercare personale qualificato, tra i primi ad avere un direttore di sala.

I due fratelli lavorano per dare nuova dignità al settore pizzeria, fino ad allora ritenuto meno importante, considerandolo al pari di quello ristorativo.

E dopo di loro la quinta generazione, rappresentata da Enrico Maria e Carlo Alberto è tornata sul banco e in sala, alternando così il lavoro in prima persona alla gestione dell’attività.

Una famiglia che ha segnato davvero l’evoluzione della ristorazione napoletana, che ne ha scritto una pagina importante di storia. Oggi i due cugini restano fedeli a questa visione, lavorando duramente ma con discrezione.

quinta-generazione-lombardi-1892

Le pizze di Lombardi 1892, sono quelle della tradizione, con piccoli accorgimenti e la scelta di ottime materie prime per garantire un prodotto sempre apprezzato e di qualità.

In un mondo frenetico come quello delle pizzerie moderne, colpisce l’educazione, il rispetto per il proprio lavoro e per il cliente.
Niente riflettori né colpi di scena per la famiglia Lombardi, da queste parti non servono, non se ne sente la necessità.
Si va avanti rispettando le tradizioni della casa.

E oggi ancor di più, un simbolo, quel piccolo tassello dedicato alla signora Silvia, ci racconta quasi sussurrando come è nel loro stile, che ci si può rinnovare e essere moderni senza stravaganze.

 

Anna Orlando Direttore Responsabile

Calabro-lucana di nascita, campana di adozione. Dopo una laurea in Giurisprudenza e molti anni di professione forense, finalmente realizza un (uno dei tanti) sogno nel cassetto e diventa giornalista pubblicista. La passione per il cibo e le collaborazioni degli ultimi anni fanno il resto.