Pessoa Taberna Portuguesa, la poesia in cucina a Frattamaggiore

24-05-2024 | Mangiamoci su, Trattorie e Osterie

La prima cosa che noto quando entro in un locale è l’atmosfera, l’ambiente che mi circonda, fatto di tanti elementi, dalle persone, agli arredi, i suoni, i rumori, la musica.

Cosa ho trovato da Pessoa Taberna Portuguesa a Frattamaggiore?

L’esatta combinazione di questi elementi, studiata in modo da mettere a proprio agio il cliente, farlo sentire a casa, coccolato nella giusta misura, senza invadenza.

Il ristorante è nuovo, aperto da pochi mesi, arredato in modo discreto, legno vivo, pareti chiare, mise en place in stile inglese, qualche centrino a ricordare le case delle nonne del ‘900, stampe di vecchi film alle pareti, il tutto sempre senza strafare.
Veniamo accolti dal personale di sala con la titolare Rosanna Bazzano, che ci introduce nell’idea che Pessoa Taberna Portuguesa vuole trasmettere attraverso la sua cucina ma anche come luogo.

Perché non ci troviamo soltanto in un ristorante quanto proprio in un luogo animato, uno di quei posti che riesce, anche ad uno sguardo, a trasmetterti precise informazioni su chi lo ha ideato e voluto.

Neanche a dirlo, Pessoa è il poeta preferito della titolare, che ho scoperto essere a sua volta scrittrice, e che per questo motivo ha deciso di dedicare il locale alla cucina portoghese, contaminandola con le sue origini siciliane e con la Campania, terra che la accoglie.

Ecco spiegato quindi l’incontro nei suoi piatti di elementi che richiamano alle tre culture, che pur essendo apparentemente distanti, hanno innumerevoli punti in comune. Ovviamente quale può essere il leit motiv del menù che cambia con regolarità al cambio di stagione. Facile, il baccalà, siamo pur sempre in una “Taberna Portuguesa”!

Nel nuovo menù che ha già sostituito quello di apertura cambiano le cotture e i condimenti ma non si prescinde da alcuni punti fermi come il baccalà fritto o mantecato.

Il baccalà di Pessoa viene dall’Islanda, una scelta precisa della proprietà per garantire al cliente una qualità costante.
Sodo, compatto, perfettamente dissalato, si sfoglia alla perfezione e si presta alle varie elaborazioni della chef campana che sapientemente dirige la cucina.

Abbiamo provato l’antipasto Fernando che racchiude un po’ di piatti del menù per avere una idea generale sul locale.

Molto buono il baccalà fritto e le varie preparazioni tra cui una zuppa calda di patate, cavolo nero e crostini di pane.
Notevole l’accostamento tra baccalà, friariello e peperone crusco nel raviolo che richiama le diverse anime del locale.

Davvero ben eseguito il baccalà in olio cottura, provato in una versione ancora “invernale” in abbinamento ad uno zabaione al parmigiano che all’inizio sembra quasi sovrastare il pesce ma poi ben si fonde con il resto degli ingredienti.

Buoni i dolci, realizzati in loco, tra cui spiccano i pasteis de nata e una crema catalana in versione portoghese.
Un bonus per panini e buonissimi biscotti salati fatti in casa, così come per l’utilizzo della ricotta di ispirazione siciliana.

Piccola carta dei vini con qualche etichetta portoghese, anche al bicchiere, un po’ di Campania e qualche bollicina francese.
Resta da provare tanto altro ancora, la paella portoghese, così come le altre declinazioni del baccalà.

Tornerò? Sicuramente, per provare altri piatti come dicevo e perché Pessoa Taberna Portuguesa è uno di quei posti dove si va per stare tranquilli, rilassati, quando non si ha voglia di strafare ma solo di stare bene.

Un locale come non se ne trovano molti ormai, dove non si va per mettersi in mostra o per “instagrammare” ma per il piacere di uscire, di ritrovarsi e di gustare qualcosa di semplice e buono in compagnia.

Pessoa è anche un ritrovo culturale, con serate dedicate alla poesia e alla musica dal vivo. Nessuna nota stonata, si fa per dire, come si potrebbe subito pensare ma in realtà una naturale prosecuzione dell’idea che da vita a questo locale, inteso come ritrovo, perché no, anche dell’anima.

Lo scontrino rispecchia l’essenza del locale. Circa 35 euro a persona per una cena soddisfacente che lascia la voglia di ritornare.

 

Pessoa Taberna Portuguesa Link

MEatingNews Link

 

Anna Orlando Direttore Responsabile

Calabro-lucana di nascita, campana di adozione. Dopo una laurea in Giurisprudenza e molti anni di professione forense, finalmente realizza un (uno dei tanti) sogno nel cassetto e diventa giornalista pubblicista. La passione per il cibo e le collaborazioni degli ultimi anni fanno il resto.